btp

 

di Enea BORIA

 

Belzebù diceva che pensar male è peccato ma s’indovina quasi sempre.
Ho un pensiero maligno che volevo condividere con voi, magari vi sembrerò pazzo o forse no.

Uscito il DEF io come molti altri ho pensato “tutto qua?”. Le “opposizioni” italiane si sono immediatamente messe a strillare <paura, devastazione e morte>, per un deficit messo a preventivo del 2,4% quando addirittura Monti ne fece a consuntivo il 3%.

In effetti sulle prime la dichiarazione del commissario Europeo Moscovici non è stata  particolarmente dura ma del tenore “state sforando, ma non vogliamo una guerra con l’Italia”.

In capo ai successivi due giorni le opposizioni italiane non hanno smesso di strillare e questo è normale, conoscendoli, ma soprattutto Moscovici prima e Dombrovskis immediatamente al seguito, si sono premurati di rincarare pesantemente la dose. Naturalmente a borse aperte, perchè come rivendicano con assoluta faccia di bronzo i commissari europei non entrano nei fatti politici interni.

Pochi giorni fa, mi son tolto lo sfizio di andare a controllare cosa sia successo al rendimento dei BTP decennali e il quadro, a me che non faccio l’economista, è parso comunque tutt’altro che pessimo, drammatico, catastrofico. Anzi.

Vogliamo fare 2+2?

E’ l’opposizione italiana, che ha chiesto alla Commissione UE di aprire un fronte in Italia sul DEF.
Vogliono rientrare in gioco come coloro i quali gestiranno l’arrivo di un commissariamento della trojka in stile greco.

I commissari UE la sparano grossa, e i nostri titoli di debito più venduti sui mercati affollati da operatori istituzionale, i BTP, che fanno?
Aumentano.
Quel che serve a compensare una perdita in conto capitale nel caso di sganciamento dell’Italia e svalutazione della nuova moneta rispetto all’area marco. I mercati, a loro modo, sono razionali.

Sono dei banditi!
Ma il PD e Forza Italia, sono pure peggio dei commissari UE, che a questo giro di aprire uno scontro per così poco, a mio giudizio, per convenienza pre-elettorale, magari se lo sarebbero volentieri risparmiati.

Ieri sera la Commissione Europea ha inviato la sua lettera di minaccia sul DEF.
Sapremo presto cosa accadrà a questo governo e quali scenari si apriranno, se la bocciatura sarà definitiva.
Altrettanto sapremo chi era il convitato di pietra in quella che, sul palcoscenico della UE, potrebbe rivelarsi come una nuova tragedia greca.